La Ricetta Perfetta: un artista prigioniero del suo mestiere di artigiano

Chef-01L’artigiano in questione non è Carl Casper, il capo cuoco del ristorante Gauloise a Brentwood in California protagonista del film, ma è Jon Favreau, che ha voluto nel 2014 scrivere il soggetto e la sceneggiatura di questo film, che ha poi convintamente diretto e persino prodotto.
Chef-02Con questi credits, normalmente si può parlare di cinema autorale, ma Favreau non pensa di essere un artista del cinema o meglio sembra non avere il coraggio di ammettere a se stesso che forse gli piacerebbe esserlo, perchè Favreau è il gigante buono delle majors, l’uomo per tutte le stagioni, una certezza al botteghino e la serenità di chi magari non farà mai il grande colpo ma nemmeno metterà i produttori in imbarazzo con scelte narrative bizzarre o stilisticamente troppo innovative. Sempre che un giorno, chissà, non decida di fare il grande passo.

Comme un chefDifficile dire quale titolo sia peggiore per questa pellicola: in originale infatti si chiama “Chef”, titolo stupido, banale e davvero affatto evocativo, inoltre confondibile con “Comme un chef” (distribuito da noi soltanto come “Chef”), l’altrettanto gradevolissima commedia francese del 2012, in cui Daniel Cohen dirigeva un imperdibile Jean Reno nella parte di un cuoco pluristellato in crisi d’identità; ma il titolo italiano, per quanto infinitamente più bello dell’originale, è senza senso, perchè tradisce nel modo più assoluto qualsiasi significato del film, sia superficiale ed immediato, sia recondito e più speculativo, ossia non c’entra un fico secco.
Chef-03Casper, il protagonista della storia, infatti, non è alla ricerca di un piatto speciale o di un menù particolare e vincente, che per altro è in grado di produrre benissimo quando sta da solo in casa propria, ma è ansioso di trovare i suoi spazi, i suoi meriti, la sua dimensione di artista della cucina ed infine è sofferente, perchè non trova più nemmeno il divertimento, vero ingrediente basilare per potersi ancora mettersi in discussione, per sperimentare, provare e rifare tutto di nuovo e fare così il salto da semplice cuoco a grande chef.

Chef-04La ricetta perfetta” nasce e si sviluppa come una deliziosa commedia on the road, con una sintassi filmica decisamente europea e quel pizzico di anticonformismo leggero alla Sundance Film Festival, ma poi si chiude con timore in una commedia, per quanto deliziosa, troppo velocemente diretta ad un happy-end eccessivo, quasi come un adolescente che finalmente trova la forza per urlare al proprio padre-padrone che si è stancato di lui, dei suoi metodi educativi, delle sua educazione, ma poi, intimorito dallo sguardo accigliato del genitore, si ritrae schivo, sibilando che stava scherzando, stava solo scherzando e nulla più.

Non siamo di fronte ad un filmone leggendario, ma ho ugualmente adorato questa pellicola, che ti fa passare quasi due ore di piacere visivo ed emotivo, senza rotture di ritmo o momenti di stanca o stucchevoli risvolti sentimentali, ma anzi con la freschezza di un sapiente uso dei social network nella trama, senza bisogno di hacker o geni informatici da barzelletta.
Away-we-goDialoghi perfetti, sempre coerenti ai personaggi, equilibratissimi ed efficaci, scritti con una sorprendete maestria, che faceva sperare in qualcosa di più corraggioso, perchè le potenzialità c’erano tutte: una sceneggiatura in cui si sarebbe trovato a suo agio un regista come Sam Mendes (il film di Favreau per quattro quinti è tra l’altro molto più bello del suo “Away We Go – American Life” del 2009) e che magari avrebbe avuto la forza (o semplicemente la serenità) di arrivare fino in fondo.

Harold HoganQuando lo spettatore vede Jon Favreau sullo schermo, riconosce subito Harold “Happy“ Hogan, autista e fedelissima guardia del corpo di Tony Stark, ruolo che il nostro uomo ha interpretato sia nei due cinecomic dedicati alla figura del supereroe in armatura da lui stesso diretti (“Iron Man” ed “Iron Man 2”), sia nella terza (“Iron Man 3”), di cui comunque è restato produttore esecutivo.
Quello di Hogan è un ruolo quasi meta-cinematografico, perchè Favreau ha genio da vendere e guizzi di creatività che quasi di nascosto rivela sottotraccia, ma resta un garante della continuità: già al suo secondo lavoro come regista, nel 2003, ha il suo primo grosso successo al botteghino con “Elf” (non proprio una pellicola trasgressiva) e prosegue nel 2005 con “Zathura” (la riproposizione ideale nello spazio Zathuracosmico del plot di “Jumanji”, entrambi tratti da due romanzi dello stesso autore, Chris Van Allsburg), dove ha modo di lavorare con uno degli sceneggiatori più pagati del mondo, David Koepp, dal quale verosimilmente impara la sottile arte del camouflage artistico hollywoodiano, che prevede la capacità di scrivere idee brillanti e ricche di spunti creativi mascherandole con uno spesso strato di banalità senza sorprese.

Tony-StarkEra nato un nuovo artigiano del cinema dei blockbuster, degli action e delle comedy non trasgressive ma di grande successo e come tale fu l’uomo perfetto per dirigere nel 2008 “Iron Man”, la pellicola dei Marvel Studios che ebbe il merito di creare una vera icona dal successo di pubblico virale ed inarrestabile ancora oggi: il Tony Stark di Robert Downey Jr., ruolo per cui l’attore americano di Manhattan sembra davvero essere nato, una parte che Favreau gli ha letteralmente cucito addosso rendendola memorabile.
Robert Downey Jr. and Jon FavreauQuando in “Chef” rivediamo Downey, nel delizioso cameo dell’ex-marito dell’ex-moglie del nostro protagonista, abbiamo una piacevolissima sensazione di déjà vu, come se potessimo vedere i due attori chiacchierare sul set come due vecchi amici ed anche quando la scenggiatura li spinge a scontrarsi, sorridiamo con la consapevolezza che in realtà stanno solo recitando e che fuori del set andranno a bere di certo qualcosa assieme.

Favreau è proprio questo: è un bravo regista, ma con mani e piedi immersi assolutamente dentro le regole estetiche fissate dall’establishment, senza voli pindarici di sorta e che ogni tanto alza la testa di un pelino e fa vedere chi è veramente.
Cowboys-and-AliensForse il film più controverso della sua carriera è quel “Cowboys & Aliens” del 2011, pellicola incredibile, scritta da ben 5 sceneggiatori diversi, tra cui non casualmente troviamo Roberto Orci e Alex Kurtzman, il dinamico duo delle fiction procedural estreme (“Alias”, “Fringe”, “Sleepy Hollow”), ma anche lo snobbissimo Damon Lindelof (creatore di “Lost” e “The Leftovers”): la storia creativa e produttiva di questo film è assai complessa e bizzarra e per questo meriterebbe un approfondimento in altra sede, ma ha comunque lasciato un segno in tutti gli appassionati di sci-fi classica e nei lettori di fumetti.

Chef-05Questa è una recensione di “Chef (La ricetta perfetta)”, ma abbiamo finito per parlare quasi solo di Jon Favreau e questo perchè il film è in realtà la storia del nostro uomo di cinema, da lui stesso interpretata nel ruolo del protagonista, che regala bellissime emozioni ad un pubblico che può anche non conoscerlo come artista , ma che si divertirà lo stesso guardandolo girare gli USA sul suo furgone da “eat street”, preparando panini cubani, in compagnia del figlio e di Martin, un suo sodale compagno di fornelli (nella impeccabile interpretazione del nostro colombiano d’eccellenza John Leguizamo).

Dustin Hoffman as RivaCome del cuoco John Casper, Favreau narra l’inquietudine, perché malgrado la sua bravura ed il suo genio culinario, egli non riesce ad emergere dalla piattezza in cui lo ha confinato il padrone del suo ristorante (un perfetto e perfido Dustin Hoffman), così Favreau racconta anche della sua vicenda di artigiano del cinema, intrappolato nella prigione, fatta di affidabilità e rigore così cara alle majors, da lui stesso costruita negli anni, con le sue interpretazioni, le sue direzioni artistiche, le regie.

Favreau in The Sopranos D-GIRLSNel lontano 2001, Jon Favreau interpretava se stesso nell’episodio “D-Girls” della fiction “The Sopranos”, come uno sceneggiatore che ha il compito di scrivere una storia di mafia (cosa che farà davvero con il suo film di esordio nello stesso anno, “Made (Due imbroglioni a New York)”.
Alla fine del nostro film, circa a metà dei titoli di coda, parte una sequenza in una parte ristretta dello schermo in cui viene mostrato il nostro regista mentre apprende l’arte di preparare il sandwich perfetto, un toast con formaggio e cipolla alla piastra, arrostito dal burro pennellato su entrambi i lati.
Chef-Grilled-Toast-sceneConsiglio questa pellicola a tutti coloro che amano le commedie all’americana perché resteranno soddisfatti, ma anche a coloro che amano i programmi di cucina ed i reality sugli chef, perché tutti i passaggi, tutti gli ingredienti mostrati e preparati, sono rigorosamente fedeli ai metodi di preparazione dell’alta ristorazione; invito infine anche gli amanti del cinema, quelli veri, che sanno vedere oltre le apparenze, a godersi lo spettacolo, perché forse come me storceranno il naso alla fine, ma avranno goduto tutto il resto del tempo.

Annunci

5 pensieri su “La Ricetta Perfetta: un artista prigioniero del suo mestiere di artigiano

  1. L’ho visto qualche settimana ma non ci ho trovato tutta la magia che invece a scorre a profusione nel tuo post.
    Accade di rado che un fil renda meglio del libro di cui è tratto.
    E accade ancora più di rado che una recensione sia più bella del film recensito. Ma questo è uno di quei casi.
    Sia chiaro: Favreau mi piace (e non solo per il suo cameo ne I Soprano…): realizza film leggeri ma lo fa con grazia e si lascia sempre gustare fino in fondo. Un cinema semplice, volutamente semplice, che però riempie gli occhi. Il problema di chef è che stabilisce un rapporto poco empatico, per lo meno con lo spettatore Lapinsù.
    Ma forse è solo colpa mia, che invecchio e divento brontolone.

    Mi piace

  2. Come sempre, fai dei commenti che sono delle recensioni essi stessi e penso che saresti un bravo soggettista, di quelli alla Ken Scott (l’autore di “Starbuck – 533 figli e non saperlo”, presente?)…
    Ho sorriso e tanto all’idea del Lapinsù brontolone, ma invece, no, è un parere giusto e che in realtà, anche se non sembra, è in linea con quello che ho scritto: quel rapporto di empatia di cui parli è effettivamente reso impossibile dal mancato coraggio di Favreau di essere artista vero, fino in fondo, di non avere avuto quel coraggio che aveva all’inizio della carriera, quando sfidava la mafia per raccontarne le gesta in chiave ironica e che poi ha sepolto sotto un buonismo da cinepanettone, a differenza del suo alter-ego, lo chef Casper… Come avrai capito, infatti, ho usato il film per raccontare la storia di un fallimento o forse solo di un artista che ha rimandato il suo coming-out…
    Grazie di essere sempre partecipe!

    Mi piace

  3. Pingback: Downton Abbey: God Save British Television! | kasabake

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...