The Dark Knight Rises (2012)

The-Dark-Knight-Rises

Il film mondo di Nolan, un terzo capitolo che non doveva esistere, non amato dai suoi autori e non voluto dai fan, un’opera maestosa che urla amore per il cinema ad ogni millimetro di pellicola, realizzato con una volontà pervicace e testarda, tanto da essere essa stessa un gesto eroico, con un linguaggio filmico talmente raffinato ed elevato da contenere in sé anche l’istinto suicida del fallimento, uno stravolgimento della storia del personaggio originale del fumetto che ha il sapore della vendetta, una sceneggiatura che regala allo spettatore una collana di sequenze e momenti memorabili, tra cui è quasi impossibile scegliere (solo come esempio, si sappia che il monologo del prigioniero cieco sulla necessità del no-rope e della paura è da allora parte della mia cultura), microcosmi di recitazione maestosa (Michael Caine e Morgan Freeman offrono alla storia del cinema perle inestimabili di amicizia virile e senile, declinata in modo da far sobbalzare il cuore di chi si ferma ad ascoltarle, così come Tom Hardy che mette a nudo l’archetipo di un despota populista ed assieme votato al martirio, come non si era mai visto e forse mai più si vedrà al cinema), immensi set di ripresa da capogiro, scene costruite con una cura ed un dettaglio maniacali (tutto l’opening del film, con la ripresa dell’aereo che volteggia intorno alla montagna, il suo arrembaggio, il rapimento dello scienziato e la presentazione di Bale al mondo, ha da solo più carisma di interi film).

Più che ad un’opera cinematografica compiuta, sembra piuttosto di trovarsi di fronte ad un manuale di scrittura per il cinema, per via di uno script incredibilmente potente e complesso, come la trama di uno dei grandi romanzi storici europei del secolo scorso (la Talia al Ghul di Nolan non è il personaggio leggendario e fantasy dei comics, ma un’eroina da melodramma che vive con Bane un rapporto costruito sulla vendetta e sull’onore del sangue e che non a caso veste i panni della potente finanziera Miranda Tate).

Infine, Selina è poesia…

Selina: «There’s a storm coming, Mr. Wayne. You and your friends better batten down the hatches, cause when it hits you’re all gonna wonder how you ever thought you could live so large and leave so little for the rest of us»
Bruce Wayne: «You sound like you’re looking forward to it»
Selina: «I’m adaptable»


The Dark Knight Rises“, USA, GBR, 2012
Regia : Cristopher Nolan
Soggetto e Sceneggiatura: David S. Goyer, Christopher e Jonathan Nolan

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...