Evil Dead II (1987)

Evil-Dead-II

Nei decenni conclusivi del millennio scorso, Sam Raimi fu una figura essenziale del cinema fantasy ed horror, soprattutto grazie allo stile sincero e quasi artigianale delle sue pellicole, fatte solo di storia e puro amore per la cinepresa, con un senso dell’inquadratura e del gioco di specchi tra finzione filmica e paura reale dello spettatore che lo ha portato a firmare capolavori indiscussi, pur di bassissimo budget: c’era una sorta di furia ed ansia da iconosclasta (ma sempre ricondotta ad un rigore stilistico essenziale e chiarissimo) nello scrivere, produrre e dirigere opere seminali come Darkman o come i capitoli della saga di Evil Dead che hanno lasciato un segno indelebile, finché Hollywood non lo afferrò, lo masticò ed infine lo ingoiò, spedendolo nel pozzo senza fondo dell’irriconoscente e precario mondo dei cinecomic supereroistici, da cui non è più riaffiorato, se non con comparsate registiche che seppur apprezzabili non furono più capaci di lasciare un vero segno duraturo.

Fu in quel periodo luminoso, rabbioso e rivoluzionario, che Raimi riprese in mano il suo primo vero lungometraggio, quel The Evil Dead del 1981 che gli aveva dato fama internazionale e ne fece, dopo 6 anni, un seguito che fu essenzialmente una parodia, creando una pellicola in cui più che continuare la trama iniziale, ne sconvolgeva profondamente ritmi, toni e direzione semantica: fu un affronto coraggioso ed anche un rischio produttivo immenso, specie se pensiamo che non si stava certo parlando né di un cineasta affermato a livello produttivo (o di establishment), né di una pellicola così nota (per lo meno al di fuori degli specifici circuiti di appassionati del genere e di cinefili) da reggere il colpo di una sua rivisitazione così radicale eppure quella di Raimi fu una scommessa artistica vinta in modo così completo e netto da aver creato, con l’incredibile seguito Evil Dead II del 1987, persino uno nuovo stile di fare cinema horror.


Evil Dead II“, USA, 1987
Regia: Sam Raimi
Soggetto e Sceneggiatura: Sam Raimi e Scott Spiegel


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...