Marion Cotillard

Marion-Cotillard-inside

Filmografia su Link Esterni:

WikiPedia-Logo-100px

imdb-logo-100px


Contributi video:

da La Vie en rose (2007)

 

da Macbeth (2015)

 

da Two Days, One Night (2014)

 

da Allied (2016)


Duets on the scene:

da A Good Year (2006) – Max Skinner meets again Fanny in her bistrò


“Lilly Bertineau” nella saga di Luc Besson Taxi

Sul finire del millenno scorso, il geniale cineasta parigino Luc Besson diede inizio alla memorabile saga del tassista marsigliese Daniel Morales (interpretato in tutti i film dall’attore francese Samy Naceri): dopo lo straordinario primo capitolo del 1998, pieno di verve, umorismo spensierato ed azione, seguirono uno straordinario secondo film nel 2000 (il più bello e completo della saga), un divertente terzo nel 2003 (ma già in calando di ritmo e consistenza) ed infine un davvero deludente quarto episodio nel 2007, nettamente più brutto dei precedenti, alla cui arguzia ed inventiva nemmeno si avvicina e siccome non c’è mai limite al peggio, si vocifera anche di una nuova quinta pellicola di immenente produzione.

A mio modesto giudizio, la saga di Taxi (limitandoci per lo meno alla prima trilogia) è un fulgido esempio di commedia action euroepa, imitata senza alcun successo negli USA e capace di garantire agli spettatori un divertimento rilassato, anche pieno di amore per il cinema, ma soprattutto va reso onore a Besson (presente in ognuno dei capitoli in veste di soggettista, sceneggiatore e produttore) per aver in questi film creato la prima vera occasione di notorietà come attrice alla nostra diva: la Cotillard infatti ha interpreato nei primi tre film il personaggio di Lilly Bertineau, fidanzata ufficiale del protagonista e suo primo supporter lavorativo.

da Taxi (1997)

 

da Taxi 2 (2000)

 

da Taxi 3 (2003)


Lady Dior

Nel 1995, in occasione della prima visita a Parigi di Diana, allora principessa del Galles, Bernadette Chirac, moglie del presidente francese, si rivolse alla prestigiosa casa di moda Dior per comissionare una borsa esclusiva da regalare all’ospite regale: nacque così la celeberrima borsetta Lady Dior, realizzata da allora componendo centoquarantaquattro diversi pezzi, rigida e rettangolare, con le quattro lettere DIOR in oro dorate o argento.

Nel 2008, John Charles Galliano, designer capo della società di moda francesi, scelse Marion Cotillard come volto e testimonial per l’intera linea di questo leggendario accessorio di outfit.


Juste la fin du Monde

Anche se questa pellicola e questa specifica scena saranno oggetto su questo stesso blog di un mio Kasa Shots interamente ad essa dedicato, non potevo non inserire in questa scheda almeno una citazione di quella che a mio avviso è l’interpretazione più alta e più accorata dell’intera carriera di atrice di questa somma interprete, in un film di cui oltrettutto non mi stancherò mai di cantare l’incredibile bellezza.

da Juste la fin du monde (2016)


 

Annunci

Un pensiero su “Marion Cotillard

  1. Pingback: Kasa Shots – Juste la fin du monde | kasabake

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...